Chi siamo

Alice è una figlia unica ma vive attorniata da zii e nonni, tutti molto presenti nella sua vita, la sua crescita, partecipi in modo pieno. Siamo tanti e questo è indiscutibilmente un vantaggio sotto molti punti di vista.

Come ogni famiglia ci siamo sempre chiesti cosa sia davvero meglio per lei e, dopo il lockdown, costretti come tutti a tenerla in casa, abbiamo iniziato a pensare con diffidenza e preoccupazione al rientro a scuola.

Con consapevolezza, abbiamo deciso di ritardare ancora di un anno l’avvio dell’esperienza elementare; Ali ha compiuto 5 anni ad aprile e non c’è fretta.

Chi siamo

Ma lo spauracchio di un nuovo crash e il timore di una frequenza intermittente a scuola ci hanno portati ad optare per l’educazione parentale. La possibilità  di mandare la bimba alla materna per un giorno ogni 20, doverla isolare per tutto il periodo di quarantena in caso di febbri sospette, indicazioni di tamponi con temperature sui 37.5 e vaccini antinfluenzali, non ci è sembrato il modo migliore per affrontare l’ultimo anno prima della reale scolarizzazione.

Tuttalpiù suona come il miglior modo per destabilizzare un bimbo, semmai.

E allora che fare? Consultare pedagogisti, insegnanti di musica, arte e persone che, a vario titolo potessero darci una mano concreta e sviluppare un vero e proprio piano da attuare a casa e in luoghi all’aperto. Magari condividendola anche con qualche amichetto, uno o due (badate, non parliamo di scuola parentale, quella è un’altra cosa!).

E chissà che questa esperienza non si possa configurare come un primo passo verso un percorso più duraturo. Ad oggi non escludiamo affatto possa essere così.

Intanto iniziamo prendendo informazioni, confrontandoci e pianificando passo passo le azioni da portare avanti, certi che, malgrado tutto e tutti, in tanti si troveranno costretti da qui ai prossimi mesi a portare avanti misure non previste simili alla nostra.

IL MERAVIGLIOSO MONDO DI ALICE

LA FAMIGLIA

Siamo Eleonora e Jody, genitori di Alice Maria Andrea che no, non sono tre bimbi ma una sola con un nome lunghissimo (e senza virgole). L’arte della diplomazia non è il nostro forte!

Siamo dei liberi professionisti e da quest’anno stravolgeremo le nostre vite e il nostro ménage per iniziare la nostra bambina al mondo dell’istruzione…ma a modo nostro anzi, a modo suo.

Il tutto sarà condiviso con la pletora di parenti e amici che ci sosterranno anche in questo percorso, ciascuno con il proprio tempo, il proprio knowhow e le proprie attitudini.

L’universo di Alice è un mondo con la M maiuscola, è parte del suo cognome (doppio, anche in questo caso non ha vinto la diplomazia), è un insieme di persone, sfide, impegni, conquiste, imprevisti … insomma la vita di ogni bambino! E noi vogliamo condividere questo percorso di crescita in modo pieno: alla fine della giornata ci rendiamo conto di aver imparato più noi da lei che lei da noi.

Ciò che desideriamo è essere d’aiuto e lo faremo raccontando la nostra esperienza personale diretta e quella delle persone che condivideranno con noi racconti e informazioni.

Inoltre, attraverso i canali social, saremo lieti di confrontarci e di fare da trait d’union tra quelle famiglie che si trovano in aree geografiche vicine per poter immaginare la nascita di gruppi fisici di collaborazione, condivisione e supporto.

Segui il bianconiglio…